lunedì 20 febbraio 2012

QUESTIONE DI FEDE


A Doc ritornò in mente per l'incontabilesima volta che per ogni band come quella ce n'erano altre cento o mille come quella di suo cugino, i Beer, condannati ad arrancare nell'oscurità, gasati da una fede nell'immortalità del rock, tenuti in piedi da droga e nervi, fratellanza, sorellanza e buon umore.

Thomas Pynchon - Vizio di Forma - Einaudi

Foto da http://www.adventuresinhifiaudio.com/

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Ma autori italiani non li leggi mai? non son trendy quanto gli statunitensi?
Ci sara' pure qualche autore del Bel Paese che parli di mignotte e briai, chitarre scordate e rutti soffiati in faccia, dioboia e sudiciume vario?

ico ha detto...

Ci sarà, se lo trovo, lo metto qui, nel blog. Promesso. Però mi deve piacere. Purtroppo sono un po' difficile nei gusti letterari. Su altre cose son più facile.