mercoledì 9 dicembre 2015

VOGLIO LEGGERE PIU' DONNE


Un libro che era lì da un po'.
In una notte d'insonnia ti dice -dai-.
Nessun discorso diretto.
Nessuna trama intricata.
Nessun colpo di scena.
Un padre rompicazzo sviscerato davanti alla pentola smaltata piena di molluschi morti nel vapore speziato (ho detto speziato ma non mi sembra d'aver visto spezie nel romanzo).
Breve, intimo, abbastanza perfetto.
Un po' come le cozze quando sono buone e vengono bene.

Nessun commento: